STAY COOL. BE SOCIAL.

mercoledì 9 marzo 2016

SUPERFICE. Al Teatro Trastevere di Roma, in scena la nuova commedia scritta e diretta da Erika Barresi. Produzione - Gruppo Teatro Onda.


SUPERFICE 
Commedia  sulla precarietà della vita

in particolare sulla precarietà della  vita

di tre attori.

Commedia scritta e diretta da

Erika Barresi

Produzione -  Gruppo Teatro Onda



In scena a Roma  dal 6 al 17 aprile 2016 - Teatro Trastevere



Interpreti -  Samantha Silvestri, Alessandro Capone, Roberto Celestini

Musiche eseguite dal vivo da Alberto Laruccia

“ ...Questa commedia è un atto di amore verso la gioia e l'immaginazione dell’artista  nel donarsi e dello spettatore  nel ricevere. Vengono messi in campo: arte, tecnica, energia, forza e generosità. L’improbabile situazione e il rocambolesco evolversi degli eventi fanno si che non ci si possa annoiare …  per lo meno non nel teatro in cui andiamo in scena noi!”.
Erika Barresi (autrice e regista)

Debutta in prima assoluta  il 6 aprile  al Teatro Trastevere di Roma  “Superfice”, commedia surreale scritta e diretta da  Erika Barresi, prodotta da Gruppo Teatro Onda, sarà in scena fino al 17 aprile.   
Uno spettacolo di azione, tante risate e buona musica,  con un testo  ben ritmato, interpretato da Daniela Amato, Alessandro Capone e Roberto Celestini, musiche eseguite dal vivo da Alberto Laruccia.

I protagonisti: una donna diversa, un uomo colpevole e un uomo deciso sono tre attori senza lavoro, senza contratti, senza provini  e ingaggi in quella situazione che per gli attori è la quotidianità: la noia!!!!   L’unico vero impegno delle loro giornate è tenersi in esercizio con la recitazione passando da un genere teatrale all’altro, da un dialetto all’altro.
Spezza questa noia una occasione di  investimento  improvvisa, l’acquisto di un immobile con Bar. Certo è messo male, è fatiscente,  ma  assume un interesse diverso  alla scoperta  in magazzino di sacchi contenenti una strana muffa bianca.  Entrano in campo incoscienza, ambizione, presunzione  e i tre decidono che è giunta l’ora di diventare imprenditori ….  Intraprenderanno la carriera di spacciatori.  

Trama


Tre attori dal passato travagliato, dal presente precario e da un futuro anteriore,

gravitano, più che lavorare, in una bettola del centro storico siciliano,  deserto e diroccato.

Due uomini e una donna, senza lavoro, senza contratti, senza provini e ingaggi, senza prospettive. 
Nelle prime 4 scene saltano da un genere teatrale all'altro fino a scegliere la via del surreale, grazie anche agli interventi del cantastorie, presente in scena, e ad un continuo dialogo con il pubblico.
Un giorno il più giovane decide di investire i "risparmi di una vita" , che ammontano al costo delle bollette dei mesi precedenti, nell'acquisto di  ciò che crede un “prestigiosissimo”  'immobile con bar .
L'immobile è talmente messo male  che naturalmente  non ha alcun valore,   ha però nel magazzino molti sacchi di una polvere bianca, quella polvere bianca, che uno di loro scambia per muffa... così decidono, "Scarface" alla mano, di intraprendere la carriera di spacciatori.  Ovviamente, si fanno travolgere dagli eventi.
Azione e risate è quello che promettono le prime scene e così fino alla fine dello spettacolo.


Personaggi



Samantha Silvestri è una Donna Diversa 

Una donna che ha superato decisamente le convenzioni del suo ruolo in scena e nella vita. Cinica e sarcastica dice sempre la cosa che non andrebbe detta  e si comporta proprio come se non ci fosse differenza fra ciò che può fare una donna e ciò che farebbe un uomo… è espressione  della voce della scrittura,  dell’autrice del testo e di alcuni  altri  all’interno dello spettacolo;  regge decisamente le fila di questo trio di “avventurieri loro malgrado” .






Alessandro Capone è un Uomo Colpevole

Un uomo incosciente, ignorante, egocentrico,  colpevole di volere il successo ad ogni costo.
Il comportamento frenetico  nella ricerca del successo lo porta  a non vedere mai le conseguenze delle sue azioni;  coglie ogni occasione  per indossare il costume giusto, la parrucca giusta,  dire le sue battute . Irrimediabilmente comico, nervoso,   è votato all’insuccesso sicuro  perché gli manca sempre qualcosa… ma non certo la risata.






Roberto Celestini è un Uomo Deciso

Un uomo che contrariamente alla sua apparenza e alle sue battute, che lo disegnano ipocondriaco, bevitore, depresso e fatalista,  è un uomo deciso.  Deciso a non uscire dal limbo nel quale si trova. Appare come un triste clown di mezza età  ma non ha certo perso il ritmo i tempi e lo stile del buon comico, oltre a quel tanto di ironica inadeguatezza che lo rende comico suo malgrado;  uno sfigato che non può non farti ridere, riconoscibile ma mai innocuo.
   


Superfice Foto Spot > CANALE YOUTUBE

 


Roma - Teatro Trastevere  - Via Jacopa de Settesoli, 3
dal 6 al 16 aprile 2016 – ore 20.30/ domenica  – ore  18.30
prenotazioni e biglietti – tel. 06.581 4004 – email: gruppoteatroonda@gmail.com
Ufficio Stampa/Rosalba Celestini – tel. 338.3597876


1 commento:

  1. Grazie della vostra attenzione sempre... ci vediamo a teatro!

    RispondiElimina